Home Editoriale Champions, Capello contro la sceneggiata di Bonucci: “In Italia è abituato bene”

Champions, Capello contro la sceneggiata di Bonucci: “In Italia è abituato bene”

307
0
Bonucci
Foto screenshot Sky

Una batosta, su tutti i fronti. Il risultato, prima di tutto. Il 2-0 rimediato in casa dell’Atletico Madrid è per la Juventus una sconfitta dura da digerire e da recuperare, sul campo. Ma anche dal punto di vista psicologico, per alcuni calciatori bianconeri, il rientro in Italia è stato più amaro del solito.

La difesa, la prima contro la quale è stato puntato il dito. In capo alla fila delle critiche Massimiliano Allegri, che non ha speso buone parole per la retroguardia che ieri sera ha affrontato la squadra di Simeone. Poi i social, che da ieri sera si sono scatenati in una serie di meme “contro” Bonucci e Chiellini, nello specifico. La coppia centrale, infatti, si è resa protagonista (in negativo) di una paio di episodi che stanno facendo ancora discutere. Il “tuffo” di Chiellini, prima, su una leggera spinta di Morata. In questo caso è stato il Var ad annullare il gol che aveva segnato di testa l’attaccante spagnolo. Quindi, nulla quaestio. Nonostante il centrale abbia accentuato notevolmente la caduta. Comunque, ha deciso la tecnologia.

Ma l’episodio più imbarazzante è quello accaduto in occasione del vantaggio dell’Atletico. Bonucci, appena sfiorato da Gimenez in area di rigore, anziché pensare a difendere ha simulato un colpo talmente forte da mandarlo al tappeto. Nella speranza che l’arbitro potesse concedere un fallo a favore della Juventus. Ma non gli è andata bene, e lo stesso Gimenez, l’uomo che avrebbe dovuto marcare stretto, ha poggiato comodamente la palla in rete. Ancora più imbarazzante il gesto dello stesso Bonucci che, dopo aver visto la sfera varcare la linea di porta, ha avvicinato le mani al volto, simulando un dolore apparentemente inesistente.

Anche Fabio Capello, intervenuto nel post partita su Sky, non le ha mandate a dire al difensore della Nazionale italiana. E ha sottolineato che “purtroppo in Italia siamo abituati bene. Appena ti toccano vai a terra e ti fischiano il fallo. Ma in quel caso l’arbitro ha visto Bonucci andare giù e poco dopo gli ha detto di alzarsi. È stato appena sfiorato – ha concluso Capello – si è buttato e questi sono i risultati“.

Ora servirà un’impresa per recuperare il risultato. Ma non è questo che deve preoccupare. La Juventus è stata capace, in passato, di rimonte ben più difficili. Quello che dovrebbe cambiare è l’atteggiamento in campo, a partire dal ritmo partita, che ieri sera la squadra di Allegri non è mai riuscito a imporre. Ultimo, ma non per importanza, il comportamento di alcuni difensori, che a volte meriterebbero un “giallo”, esattamente come gli attaccanti quando simulano in area di rigore.