Home Approfondimenti Il professionismo nel calcio femminile: una svolta epocale attesa da troppo tempo

Il professionismo nel calcio femminile: una svolta epocale attesa da troppo tempo

2
0
calcio femminile sport star magazine

A cura di Lorenzo Bordiga

Le calciatrici non saranno più dilettanti, ma professioniste. Una svolta epocale che permetterà al movimento nostrano di far un deciso e atteso passo in avanti. Secondo una delibera della FIGC, infatti, a partire dalla stagione 2022-2023 tutti i club della massima serie (Serie A) saranno professionisti.
Ciò comporterà – ovviamente – anche l’aumento dei costi per le società sportive che avranno una formazione femminile, garantendo perciò competitività, programmazione e impegno nel far crescere in modo deciso il movimento calcistico femminile italiano.
Infatti, con l’avvento del professionismo per il calcio femminile cambieranno molte cose dal punto di vista dei contratti per le calciatrici e anche dal punto di vista delle tutele, sia legali sia sanitarie, che le atlete non avevano. Insomma, da questa estate (1° luglio 2022, per l’esattezza) le ragazze che giocheranno a calcio in società professionistiche saranno finalmente riconosciute a livello contrattuale come calciatrici professioniste. Sarà un primo passo importante verso il completo riconoscimento dell’attività come un lavoro vero e proprio, come lo è fra i calciatori. Un primo passo poiché inizialmente i ragazzi continueranno a guadagnare molto, molto di più delle ragazze (che avranno un minimo salariale simile a quello dei calciatori della Lega Pro, la Serie C). Ma il provvedimento rimane di portata storica, considerando che fino al primo luglio le calciatrici non potevano versare i contributi.
Per colmare il divario con i colleghi uomini servirà ancora un po’ di tempo, ma il passo che si compirà nella prossima estate sarà finalmente fattibile. Concettualmente, in poche parole, sarà l’abbattimento di un altro “muro invisibile, immaginario”.
Il calcio femminile sta avendo sempre più visibilità e successo, perciò è immaginabile che i prossimi miglioramenti saranno più rapidi e più equiparati al mondo calcistico maschile.