Home Editoriale Supercoppa femminile: l’analisi dei canali social delle quattro squadre della Final Four

Supercoppa femminile: l’analisi dei canali social delle quattro squadre della Final Four

22
0
Photo by RF._.studio on Pexels

a cura di Giuseppe Alberti

U.S Sassuolo
E’ una piccola società sportiva che ormai da tanti anni si trova nel massimo campionato italiano. Negli ultimi anni, insieme alla prima squadra e ai settori giovanili, è stata creata la squadra femminile che ha partecipato quest’anno per la prima volta alla Supercoppa Femminile. I profili social della società sono condivisi dalla squadra maschile e femminile e sono stati presi in esame i post dei tre social principali (Facebook, Twitter, Instagram) i giorni antecedenti al torneo e durante esso. Prima che la competizione iniziasse il profilo Facebook della società aveva già una fan base di 265 mila iscritti. Una settimana prima della competizione è apparso il primo post riguardante la Supercoppa che ha raccolto un centinaio di “Mi piace” accompagnati da alcuni commenti di incitamento verso la squadra femminile. Il giorno prima della partita è comparso un altro post con le grafiche ufficiali della società che descrivevano luogo e orario del match, seguite dall’hashtag #SupercoppaFemminile. Il post ha suscitato molto interesse con quasi 150 likes. Alla fine della partita è stata pubblicata una serie di foto della semifinale appena conclusa e che ha visto le ragazze perdere solamente ai rigori, con un link che rimandava i tifosi alla pagina web della società, dove avrebbero potuto acquistare la seconda divisa della squadra. La pagina di Instagram dell’U.S Sassuolo prima della Supercoppa aveva circa 223 mila follower. Una settimana prima della competizione, come successo su Facebook, è stata pubblicata la locandina che annunciava la Supercoppa e ha ottenuto molto seguito con 690 “cuori” e messaggi di tifo verso la squadra femminile. Non c’è stata una grande partecipazione in fatto di post e interazioni della pagina durante l’evento ma solamente un post alla fine della semifinale con una foto della partita e la didascalia che raccontava la delusione della prematura eliminazione dal torneo. Il post ha comunque raggiunto un migliaio di “cuori” e messaggi di ammirazione e apprezzamento dai tifosi neroverdi. Alla fine del torneo il profilo Instagram ha incremento la sua fan base raggiungendo i 227 mila follower. Un profilo che si è dimostrato molto attivo invece è stato quello di Twitter. Prima del torneo aveva 290 mila follower. Il primo tweet riguardante la Supercoppa è stato pubblicato il giorno prima della partita, invitando i tifosi che non sarebbero potuti essere presenti allo stadio a sostenere le ragazze da casa guardando la partita su La7 e Tim Vision e concludendo il messaggio con l’hashtag #ForzaSasol. Il profilo è stato molto attivo durante il match day raccontando in maniera dettagliata tutta la giornata, dall’arrivo delle ragazze allo stadio immortalato da una foto, al riscaldamento anch’esso accompagnato da alcune immagini, al racconto minuto per minuto della partita fino alla lotteria dei rigori che però ha visto le ragazze perdere contro una superpotenza come la Juventus. È stato fatto un grande uso delle immagini e delle grafiche, come in occasione del gol del pareggio di Lana Clelland, con una grafica che la ritraeva esultante tenendosi lo stemma e di fianco la scritta “Gol!” con il suo nome e il numero di maglia. Il profilo Twitter ha subito l’effetto della Supercoppa aumentando i suoi follower fino a 293 mila.
Clicca qui per l’analisi completa:

AS Roma
a cura di Daniele Oro e Stefano Moroni

Togliamoci subito il dente: il profilo Facebook dell’A.S. Roma ha completamente snobbato la Supercoppa Femminile. Intendiamoci, già di suo, la squadra di mister Spugna trova pochissimo spazio sulla pagina giallorossa; onestamente, fatichiamo a comprenderne i motivi, ma non è questo il nostro compito.
Discorso lievemente diverso per il canale Instagram che ha preso in considerazione la Supercoppa soltanto alla vigilia della semifinale tramite la pubblicazione di alcune stories a fungere da countdown alla partita; la stessa strategia di stories come conto alla rovescia (assemblate ad altre con aggiornamenti della sfortunata semifinale) si è poi protratta nel corso del matchday.
Capitolo a parte merita, anzi, meritano, i profili Twitter dell’A.S.Roma Femminile .
La società capitolina è presente con ben due profili esclusivamente dedicati a Capitan Bartoli e compagne: uno in lingua italiana, il secondo nella versione inglese.
@ASRomaFemminile ha dato vasto spazio alla Supercoppa sin dal 20 Dicembre, pubblicando informazioni su data, luogo e come reperire i biglietti per la semifinale e costanti reminder della stessa.
Dal 3 Gennaio si è dato il via, anche qui, al countdown, e al contempo, a statistiche, video delle calciatrici giallorosse in allenamento e un’intervista al loro allenatore; quest’ultima, insieme al countdown, sono state poi riproposte su @ASRomaWomen. Il 5 Gennaio, giorno della semifinale, i profili Twitter sono stati molto attivi: grafiche, video, foto, formazioni ufficiali e cronaca live del match. In conclusione, su Facebook non ci sono tracce della Supercoppa; ci piace pensare che, in caso di accesso alla finale, un minimo di spazio lo avrebbe trovato. Per Instagram la questione è più delicata: i post sulla squadra femminile sono molto pochi e, a nostro avviso, l’A.S. Roma dovrebbe creare un profilo interamente dedicato ad essa. Ci sono potenzialità per poter creare community fidelizzate, con un notevole engagement e conseguente possibilità di ritorno sull’investimento: in questo, ACF Fiorentina e F.C. Juventus sono maestre.
Nulla da eccepire e molto per cui applaudire in merito a Twitter. I tweet pre Supercoppa hanno avuto interazione di misura maggiore rispetto alla media, generando un, seppur lieve, aumento dei follower per entrambi i profili.
Clicca qui per l’analisi completa:
Clicca qui per la rassegna stampa completa della Final Four:

AC Milan
a cura di Francesco Basso e Riccardo Ghezzi Antonioli
Dal 5 all’8 gennaio 2022 si è svolta la Supercoppa Italiana Femminile 2022. Vincitrice del torneo è stata, ancora una volta, la Juventus, che si è aggiudicata per il terzo anno consecutivo il titolo vincendo in rimonta la finale contro il Milan.
La ricerca sui post dedicati all’evento da parte della pagina Facebook del Milan ha mostrato un’attenzione nei confronti dell’evento limitata ai soli giorni delle due partite, con la totale assenza di post dedicati sia nelle giornate immediatamente precedenti che in quelle immediatamente successive. Causa principale di ciò è da individuare, principalmente, nella presenza di un’unica pagina per squadra maschile e femminile.
In giorni caratterizzati dai primi impegni del 2022 della squadra di Pioli, i primi post dedicati alla Supercoppa delle rossonere sono arrivati il 5 gennaio, giorno della semifinale contro la Roma. In base a quanto osservato il 10 gennaio, il primo post, con la didascalia “Finale! Grande vittoria delle rossonere in semifinale” accompagnata dagli hashtag Supercoppa Femminile, Follow The Rossonere e Sempre Milan, ha portato, complice il risultato positivo, a 9829 reazioni, 191 commenti, e 147 condivisioni, mentre il secondo, che ha riportato gli highlights della vittoria accompagnati dai soliti hashtag, ha portato a 6953 reazioni, 174 commenti, e 201 condivisioni. Infine, il terzo e ultimo post è stato quello dell’8 gennaio, giorno della finale contro la Juventus, che ha fatto segnare, al 10 gennaio, 7317 reazioni, 277 commenti, e 73 condivisioni. Nel complesso, numeri sostanzialmente buoni ma nettamente inferiori rispetto a quelli fatti registrare dai post relativi alle gare della squadra maschile, con quello dedicato a Milan-Roma 3-1 che ha raggiunto quasi quarantamila reazioni o anche quello sugli highlights della stessa gara che ne ha avute quasi cinquantamila. L’attenzione rivolta al torneo, da parte del canale Facebook rossonero, è terminata qui, complice probabilmente anche il risultato negativo.
Per quanto riguarda infine il dato relativo al numero dei follower della pagina, nei primi giorni di gennaio il computo totale di “mi piace” e di follower è sempre rimasto rispettivamente sui 25 e sui 24 milioni, con un leggerissimo aumento dei secondi dal 5 al 6 gennaio e addirittura con un piccolissimo calo tra l’8 e il 9. L’aumento più grande lo si è avuto tra il 9 e il 10, ma questi dati, quasi sicuramente, sono da collegare anche ai risultati positivi di questo inizio anno della squadra di Pioli, con la rosa femminile che ad esclusione della gara di Supercoppa e di qualche post dedicato ad alcuni acquisti non ha poi praticamente più avuto spazio, nemmeno negli attimi immediatamente precedenti alla finale. (F.B.)
Sono stati giorni difficili per il Milan, che ha dovuto gestire la delicata questione della cessione in prestito alla Fiorentina di capitan Giacinti, simbolo della squadra. Un “arrivederci” difficile da digerire per l’ambiente. Società e social media manager sono stati costretti a fare i salti mortali per non trasformare il profilo di Instagram in una sorta di arena tra le fazioni pro (tanti) e contro (pochi) Giacinti della tifoseria, nonostante ciò ad ogni contenuto pubblicato non sono mancati i commenti velenosi nei confronti del tecnico Maurizio Ganz, giudicato come principale responsabile del caso Giacinti. In un clima del genere è chiaro che non sia stato possibile preparare al meglio, dal punto di vista social, l’attesa per l’evento della Supercoppa.
Non è un caso che un post Instagram datato 9 novembre 2021 – quando la notizia della cessione in prestito alla Fiorentina della capitana era ancora ben lontana dal trapelare sulla stampa – dedicato proprio a Valentina Giacinti abbia ottenuto un discreto riscontro in termini di like e solo commenti a favore della calciatrice.
Qualche giorno dopo, il 14 novembre, la consueta carrellata di fotografie post-partita (in questo caso contro il Pomigliano) si è rivelata un’occasione da parte di qualche follower per ribadire nei commenti che “c’è solo un capitano” e “Anche stavolta abbiamo vinto nonostante Ganz”, oltre a critiche sulla prestazione come “Brutta partita, il Pomigliano ci ha messo sotto, da salvare solo il risultato”. Persino un post del 3 gennaio, antivigilia della Supercoppa, dedicato ad un neoacquisto importante come Alia Guagni è stato accolto da commenti impietosi quali “Tranquilli che ora ci penserà il fenomeno che sta in panchina a rovinare pure lei”.
Logico che, valutati gli umori della tifoseria, la strategia migliore fosse quella del pubblicare il minor numero possibile di contenuti, tuttavia è lecito pensare che un maggior coinvolgimento nei confronti della Supercoppa avrebbe potuto costituire un efficace pretesto per distrarre dai problemi interni, oltre a promuovere un evento importante per il calcio femminile.
Il primo post su Instagram dedicato alla Supercoppa è stato pubblicato il 5 gennaio, qualche ora (troppe) dopo l’importante e bella vittoria in semifinale contro la Roma. Efficaci le tre foto che testimoniano festeggiamenti, eccessivamente laconico il post “in FINALE”, purtroppo però accolto in maniera tiepida nei commenti, tra inviti alla prudenza e a festeggiare dopo la finale e l’immancabile critica all’allenatore in riferimento al caso Giacinti “Manca qualcuno… il CAPITANO… #ganzout”.
I like sono stati tuttavia superiori alla media dei precedenti post, segnale quindi che la Supercoppa costituisse un evento interessante per i follower.
Ancor più laconico il post dedicato alla finale persa a pochi minuti dalla fine contro la Juventus: una semplice carrellata di foto, senza differenziare la finale di Supercoppa da una qualsiasi altra partita della stagione, con il commento in inglese “some photos of the final”. Un buon riscontro di like ma in questo caso pochi commenti, tra cui stavolta una critica a Valentina Giacinti “un capitano non lascia la squadra a mezza stagione… Peggio di Schettino” contenente gli hashtag #giacintiout e #giacintischettino.
In conclusione, il tema che più ha interessato il popolo rossonero in quest’ultimo mese si è comprensibilmente rivelato essere la querelle Giacinti-Ganz e la clamorosa cessione in prestito della capitana, distraendo i follower di Instagram dalla Supercoppa. (R.G.A.)

Juventus Women
a cura di Lucia Arduini e Giacomo Lelli
In occasione della Supercoppa italiana, giocata tra il 5 e l’8 gennaio, le squadre coinvolte nella fase finale del torneo non hanno perso l’occasione per farsi conoscere anche attraverso i social. Tra Milan, Roma, Sassuolo e Juventus Women, è quest’ultima che ha spiccato per i contenuti offerti online. La Juventus Women ha affrontato la manifestazione in maniera diversa sui propri canali ufficiali di Twitter e Instagram. In attesa della semifinale, su Twitter sono stati pubblicati 13 tweet tra i giorni precedenti e quello della partita, con tanto di analisi del match con l’allenatore e ricordi delle semifinali precedenti. Su Instagram i post sono stati 8, riguardanti soprattutto la partita in sé. Durante la semifinale i due social sono stati utilizzati in maniera differente: i tweet (circa 25) riguardavano soprattutto l’andamento del match, mentre il canale Instagram si è concentrato sulle vicende da bordo campo, condividendo 20 stories e ben 15 post. L’attesa della finale è stata gestita nella stessa maniera e il giorno stesso del match non ci sono state grandi variazioni per i contenuti condivisi. Su Instagram si è dato molto spazio a video e foto delle ragazze in campo. Anche su Twitter sono comparsi alcuni di questi contenuti, in aggiunta a un live match molto preciso. Sia in occasione della semifinale che della finale, è stato registrato un aumento di circa 1000 follower tra l’inizio e la fine della partita. Sicuramente ha influito il risultato positivo ottenuto in entrambe le uscite e la vittoria finale, ma le basi del lavoro capillare di presenza sui social erano già state gettate in precedenza. A dimostrarlo, la crescita costante di follower, quasi 19 000 nell’ultimo mese, e un engagement rate (media di interazioni in rapporto ai follower) del 5,17%, molto più alto della media. La Juventus Women è una macchina da guerra anche social.

Clicca qui per l’analisi completa