Home Curiosità Presentato il “Progetto Robot Tokyo 2020”

Presentato il “Progetto Robot Tokyo 2020”

80
0
Progetto Robot Tokyo 2020 Sportstar Magazine

Le Olimpiadi Tokyo 2020 passeranno alla storia per le numerose iniziative tecnologiche e sostenibile previste dal comitato organizzatore. Dopo le medaglie realizzate con materiale tech riciclato, l’ultima novità è il “Progetto Robot Tokyo 2020” (clicca qui), il programma che prevede l’introduzione di due robot realizzati per assistere spettatori, lavoratori e atleti dei Giochi. Un progetto in collaborazione con Toyota e Panasonic.

La prima, ha presentato il suo Human Support Robot (HSR), un robot bianco e nero, con sembianze quasi umane sul viso e un braccio meccanico, estensibile, che assiste chi si trova sulla sedia a rotelle, può trasportare cibo, borse e altri oggetti, oltre che fornire agli spettatori informazioni sul posto o sui giochi durante i match. Durante i Giochi Olimpici dovrebbero essere presenti 16 robot HSR, la maggior parte dei quali presenti allo Stadio Olimpico di Tokyo. “Alle Olimpiadi di Tokyo ci saranno molti ospiti in sedia a rotelle e vorremmo che si godessero i Giochi senza preoccuparsi della loro mobilità” ha commentato Minoru Yamauchi di Toyota.

Panasonic, invece, ha prodotto la Power Assist Suit, un esoscheletro indossabile senza copertura che permette di sollevare e trasportare oggetti pesanti con meno fatica e senza sovraccaricare la schiena. Utilizzato dai lavoratori nelle location di Olimpiadi, Paralimpiadi e nel villaggio olimpico, saranno almeno una ventina e aiuteranno anche nel trasporto dei bagagli dei visitatori.

Inoltre, il “Progetto Robot Tokyo 2020” prevede anche i taxi-robot per trasportare gli spettatori e gli atleti da e verso le loro destinazioni in città, e una tecnologia per il riconoscimento facciale per accelerare le procedure di accredito di atleti, giudici e giornalisti.

Hirohisa Hirukawa, leader del “Progetto Robot Tokyo 2020“, ha dichiarato:”Questo progetto sarà determinante per mostrare quanto pratico possa essere un robot nella vita reale, e quanto possa aiutare le persone“.

Hideyo Hirata, direttore dei servizi tecnologici, ha aggiunto: “Grazie ai Giochi la gente in tutto il mondo potrà comprendere quanto il Giappone sia avanzato in termini di tecnologia robotica”.

Il Comitato Organizzatore delle Olimpiadi Tokyo 2020 vorrebbero, anche, alimentare i Giochi esclusivamente con energia rinnovabile, realizzando strade solari capaci, grazie ad una particolare pavimentazione, di produrre corrente.