Home Editoriale Leo Messi nella storia, il gol numero 600 in blaugrana è un...

Leo Messi nella storia, il gol numero 600 in blaugrana è un capolavoro

243
0
Messi
Foto Twitter FC Barcelona

Il gol numero 600 con la maglia del Barcellona è un vero capolavoro di balistica. Leo Messi ha raggiunto il traguardo nel migliore dei modi. Dando dimostrazione di essere ancora in prima linea. Nonostante alcuni cali fisici e fisiologici, quelli che per la stampa spagnola (fino all’anno scorso) sono stati il sintomo di una carriera ormai ben oltre il giro di boa.

L’occasione, poi, è stata delle migliori. La semifinale casalinga di Champions contro il Liverpool non era una partita scontata. Infatti, nonostante il sonoro 3-0 finale per i blaugrana, il risultato è troppo pesante per la squadra inglese. Ma quando in campo, dall’altra parte, c’è un marziano, può accadere anche di doversi fermare e applaudire uno dei più grandi giocatori in attività. Dopo il vantaggio di Suarez e il raddoppio (fortunoso) della “Pulce”, mancava una sola marcatura per arrivare a quota 600. E Leo Messi non se l’è fatto ripetere due volte. Ancora una volta di sinistro, ancora una volta su calcio di punizione. Una traiettoria che è andata a togliere la ragnatela dal sette alla destra di Alisson. L’estremo difensore del Liverpool aveva intuito la traiettoria, nessuna colpa per la rete subita, il merito è solo di un giocatore.

Un gol arrivato in un momento molto delicato della partita, quanto la squadra di Jurgen Klopp stava tentando di accorciare le distanze. Ma il palo di Salah è stato quasi premonitore. Una sfortuna per il Liverpool che si è trasformata in gioia per il Barcellona, e per Leo Messi che, sfruttando un calcio di punizione, ha potuto aggiungere un tassello ai suoi innumerevoli traguardi. Un destino, anche la data che ha sancito quota 600. Perché il 1° maggio del 2005, esattamente 14 anni fa, Messi mise a segno la sua prima rete in blaugrana contro l’Albacete. Il primo marchio di 600. E non è finita qui, questo è certo.

Onore e merito a Leo Messi, dunque, che ha esultato in maniera diversa. “Era invasato“, come ha sottolineato Alessandro Del Piero nel post partita. Ed è stata diversa anche la sua esultanza. Il perché, lo ha spiegato il numero 10 del Barcellona a fine partita. “Un gran gol, il pallone è entrato in porta davvero bene. Sono stato fortunato a trovare quell’angolo. Con chi ce l’avevo durante l’esultanza? Credo sia stato un momento bello, voglio ricordare a tutti cosa abbiamo passato da inizio anno. Continuiamo così, uniti e senza criticare nessuno. L’esultanza era anche per Coutinho, lo hanno fischiato e non è bello che accada una cosa simile. Dobbiamo restare tutti uniti e appoggiare tutti“.