Home Approfondimenti La #TenYearsChallenge dei valori delle rose

La #TenYearsChallenge dei valori delle rose

272
0
#TenYearsChallenge Sportstar Magazine

La #TenYearsChallenge è la tendenza del momento: mostrare i cambiamenti che ci sono stati nell’arco di dieci anni. Può essere molto interessante vedere le variazioni che hanno coinvolto le società di calcio in questo periodo di tempo. A tal proposito, abbiamo realizzato un’analisi per verificare come sono cambiate le rose delle squadre di calcio, in termini di valore economico, dalla stagione 2008-2009 all’attuale 2018-2019.

Per la nostra #TenYearsChallenge abbiamo preso come campione le prime 10 squadre vincitrici dei tornei nazionali, in base alla “classifica” secondo il Coefficiente Uefa per paese.

Il caso più eclatante è senza ombra di dubbio quello del Paris Saint-Germain passato da una Valore della rosa (VdR) di 77,45 mln di € nella stagione 2008-2009 agli attuali 899,65 mln, con un aumento percentuale del 1.061,5% (CAGR 27,79%). Fondamentale è stato l’acquisto del club da parte della Qatar Investment Authority nel 2011. L’enorme potenziale economico del fondo sovrano qatariota e l’aumento del budget messo a disposizione del club per il rafforzamento della squadra, hanno permesso negli anni di acquistare campioni del calibro di Ibrahimovic, Thiago Silva, Di Maria, Cavani, Neymar, Mbappè. Fino ad allora il Psg aveva vinto solo due campionati nazionali ora, invece, domina incontrastato la Ligue 1 (negli ultimi sei anni ha vinto ben 5 volte il campionato). Il giocatore più costoso nella rosa di 10 anni fa era Jerome Rothen con Valore di mercato (VdM) di 8,5 mln di euro, oggi, invece, è Kylian Mbappè con un VdM di 200 mln di €.

Discorso molto simile è quello del Manchester City. Anche il club inglese ha risentito positivamente dell’acquisto nel 2008 della società da parte dell’Abu Dhabi United Group del principe emiratino Mansur bin Zayd Al Nahyan. Il giorno dell’acquisizione del club, la rosa aveva un valore di 246,8 mln di euro, oggi ne vale 1,13 mld di euro (+357,86%, CAGR 16,43%). Ovviamente anche qui ci sono stati ottimi risultati sportivi: in 10 anni il Man City ha vinto 3 scudetti, 1 Coppa d’Inghilterra, 3 Coppe di Lega inglese e 2 Community Shield. Il giocatore più prezioso della rosa del 2008 era il brasiliano Robinho, con un VdM di 35 mln (primo grande acquisto dell’emiro), oggi è il belga Kevin De Bruyne (VdM=150 mln).

I Campioni di Spagna del Barcellona hanno oggi la rosa di maggior valore: ben 1,17 mld di euro contro i 368,7 di dieci anni fa e un aumento del 217,33% (CAGR 12,24%). Il giocatore più prezioso della rosa della stagione 2008/2009 era lo stesso di oggi, Lionel Messi. Allora, però, 21enne e in procinto di vincere il primo Pallone d’Oro valeva “solo” 55 milioni di euro, oggi invece il suo valore è triplicato arrivando a 160 mln.

Un aumento significativo è anche quello che ha riguardato la Juventus. A due anni dall’inferno della Serie B e senza ancora lo stadio di proprietà (punto di partenza di una nuova “era”), la formazione bianconera valeva 242,7 milioni di euro, con Buffon giocatore più prezioso (30 mln). Oggi, invece, la costante crescita del club presieduto da Andrea Agnelli ha permesso di avere in squadra giocatori del calibro di Cristiano Ronaldo, Pjanic, Cancelo, Dybala. È proprio l’argentino l’attuale giocatore con il VdM più alto, 110 mln di euro, seguito dal Ronaldo (100 mln). Il valore totale della rosa si attesta a 809,50 mln con una crescita percentuale del 233,5 e un CAGR del 12,8%.

Nella #TenYearsChallenge dei valori delle rose non potevano mancare i dominatori della Bundesliga. I tedeschi del Bayern Monaco nel 2008 avevano una rosa dal valore di 254,63 mln, salita oggi a 753,7 (+196%, CAGR 11,46%), grazie alla presenza di campioni come Lewandowski, attualmente il giocatore con il VdM più alto (80 mln), Muller (50 mln) e James Rodriguez (50 mln). Nel 2008 il giocatore con il valore del cartellino più elevato era il “nostro” Luca Toni, fresco vincitore della classifica cannonieri della Bundesliga.

Altri importanti aumenti sono quelli del Porto e del Club Bruges. I portoghesi, nel corso di questi dieci anni, hanno avuto un aumento del valore della rosa del 212,4% (CAGR 12,06%), passando da 94,90 a 296,55 mln di euro. Attualmente, il giocatore più prezioso risulta essere il difensore brasiliano Eder Militao (35 mln), nel 2008 era Lucho Gonzalez (19 mln). I campioni del Belgio, invece, hanno incrementato il valore della loro rosa del 185,26% (CAGR 11,05%): oggi valgono 109,4 mln, “ieri” valevano 38,35 mln. La punta brasiliana Wesley è oggi il giocatore migliore della rosa (VdM=14 mln), nella stagione ’08-’09 era Geraerts (VdM=3,5).

Non hanno avuto un incremento considerevole del VdM della rosa, invece, il Lokomotiv Mosca e lo Shakhtar Donetsk. I primi sono passati da 87 a 105,8 mln di euro (+21,6%, CAGR 1,97%), gli ucraini da 109,10 a 115,2 mln (+5,59%, CAGR 0,54%). Il giocatore più costoso della rosa dei Campioni di Russia è attualmente Krychowiak (VdM=18 mln), dieci anni fa era Bilyaletdinov (VdM=8,75 mln). Nello Shakhtar, invece, il più costoso è Ismaily (VdM=18 mln), nel 2008 era Darijo Srna (VdM=11 mln), attualmente in forza al Cagliari.

#TenYearsChallenge dei valori delle rose: il caso Galatasaray

Curioso, invece, il caso dei Campioni di Turchia del Galatasaray che, nell’arco dei dieci anni, ha addirittura visto diminuire il valore della propria rosa: nella stagione ’08-’09 valeva 101,7 mln, oggi vale 76,90 mln (-24%, CAGR -2,7%). Badou Ndiaye è il giocatore più prezioso oggi (VdM=12 mln), dieci anni fa era Fernando Meira (VdM=10 mln).

Questa #TenYearsChallenge è utile a comprendere l’evoluzione dei club in questo arco temporale. Alcune società, forti dei loro fatturati, sono riuscite a crescere notevolmente. È pur vero, però, che dopo il passaggio di Neymar dal Barcellona al Psg per 222 mln di euro, tutti i valori di mercato hanno subito una forte impennata.

Dati: Transfermarkt (aggiornati al 26/01/2019)