Home Le notizie
 Serie A, 12^ giornata: Juve corsara a San Siro, crolla l’Inter

Serie A, 12^ giornata: Juve corsara a San Siro, crolla l’Inter

84
0
Serie A Sportstar Magazine

Il big match della 12esima giornata di campionato di Serie A, di scena a San Siro tra Milan e Juventus, ha visto trionfare i Campioni d’Italia per 2-0, grazie alle reti del rientrante Mandzukic e del solito Cristiano Ronaldo. Una vittoria mai messa in discussione, con i rossoneri che non sono riusciti a creare grossi pericoli alla porta di Szczesny. Protagonista negativo della serata di gala è stato l’ex di turno Gonzalo Higuain. Voglioso di prendersi una rivincita nei confronti del club che lo ha messo alla porta ad inizio stagione per fare spazio a Cr7, l’argentino ha sbagliato un rigore e si è fatto espellere dopo aver perso letteralmente la testa nei confronti dell’arbitro, reo, secondo lui, di averlo ammonito per un fallo inesistente su Benatia. A nulla sono valsi i tentativi di calmarlo da parte dei compagni ed ex, il furioso Higuain rischia ora parecchie giornate di squalifica. Si potrà consolare con i tanti gesti di affetto dei bianconeri e dei suoi tifosi, che non hanno mai dimenticato il “Pipita”. Protagonista positivo, invece, il pubblico di San Siro, accorso numeroso sugli spalti, tanto da segnare il nuovo record di incassi.

Record per i bianconeri: mai nessuno era riuscito in Serie A ad ottenere 34 punti dopo le prime 12 giornate.

Una Juve che tiene a debita distanza il Napoli, vittorioso sabato sul pantano di Genoa. Su un campo al limite dell’impraticabilità, la squadra di mister Ancelotti è riuscita a ribaltare l’iniziale svantaggio e terminare la gara sull’1-2. I partenopei sembrano l’unica reale antagonista della Juve, l’unica capace di tenere costantemente il passo dei bianconeri.

L’Inter, infatti, altra candidata delle ultime settimane, ha subito una pesante sconfitta a Bergamo con l’Atalanta. L’ex Gasperini ha giocato un brutto scherzo ai nerazzurri, preparando la sua squadra alla perfezione. Una partita giocata a ritmi altissimi, con scambi rapidi e di alta qualità tecnica, a cui la difesa interista, fino ad allora la migliore del campionato, non è riuscita a tener botta. Il risultato finale è di 4-1 per i bergamaschi, con gioiello finale del solito “Papu” Gomez.

Vittoria pesante anche per la Roma che festeggia il primo gol stagionale di Schick proprio contro la Sampdoria, sua ex squadra. Giallorossi che si aggiudicano la partita con il risultato di 4-1 e continuano la corsa alla zona Champions.

Dall’altra sponda di Roma, invece, si devono accontentare di un pareggio contro la rivelazione del campionato Sassuolo. Al gol di Parolo risponde Ferrari per gli uomini di De Zerbi. Un punto che serve ai laziali per consolidare il quarto posto.

Nella zona bassa della classifica, continuano le crisi profonde del Chievo e dell’Udinese. I clivensi, nonostante il pareggio ottenuto con il Bologna, devono fare i conti con le dimissioni del tecnico Ventura, dopo appena 4 partite in cui ha ottenuto un solo punto (quello di ieri appunto). L’Udinese, invece, perde lo scontro diretto contro l’Empoli (2-1) che lo aggancia al quart’ultimo posto in classifica a 9 punti. La panchina di Velazquez è ora seriamente a rischio, si fa il nome di Davide Nicola per sostituirlo.

Nelle altre partite, ottimo pareggio sabato del Frosinone in casa con la Fiorentina, vittoria del Parma a Torino (1-2), e pareggio pirotecnico tra Spal e Cagliari (2-2).

Ora spazio alle nazionali. La Serie A torna in campo il 24 novembre per la 13esima giornata di campionato, in cui spicca il derby della lanterna Genoa-Sampdoria.

Serie A Sportstar Magazine 2

Grafica: profilo Twitter @SerieA