Home Le notizie
 Dopo il Palazzetto, inaugurato anche il nuovo stadio di Amatrice

Dopo il Palazzetto, inaugurato anche il nuovo stadio di Amatrice

239
0

Lo sport per ripartire. A 20 mesi dal terremoto che nell’agosto 2016 sconvolse il paese, è stato inaugurato il nuovo stadio di Amatrice, il “Paride Tilesi” che dopo la tragedia era diventato il campo base della Croce Rossa Italiana.

La richiesta era partita dal sindaco della cittadina laziale che attraverso la “Domenica Sportiva” aveva lanciato un appello alle istituzioni affinchè il “Parisi” tornasse come nuovo e alla sua funzione originale. Appello colto in pieno dal ministro dello Sport Luca Lotti e da Andrea Abodi, presidente dell’Istituto di Credito Sportivo che ha supportato i finanziamenti del nuovo stadio, con il contributo anche di quattro club di Serie A (Milan, Torino, Atalanta e Lazio), Coni, Lega Serie A, Lega Serie B e Presidenza del Consiglio. In rappresentanza dei club c’erano Franco Baresi per la Fondazione Milan, Teodoro Coppola per il Torino Fc, Elisa Persico per l’Atalanta B.C. e Luigi De Santis per la SS Lazio.

L’area riqualificata è di 8.700 mq e la sua ristrutturazione è costata 750 mila euro. Dal 12 maggio il nuovo stadio di Amatrice tornerà ad essere la casa della squadra locale militante in Seconda Categoria e a un passo dalla seconda promozione consecutiva.

Parole d’orgoglio quelle espresse dal ministro dello sport Luca Lotti: “Promessa mantenuta dopo la consegna del palazzetto avvenuta il 26 settembre. Non dobbiamo spegnere le luci su queste comunità. Ringrazio tutti quanti hanno contribuito a far rinascere un luogo che era stato il primo punto di soccorso dopo il sisma. Grazie allo sport possiamo fare tanto“.

Come ricordato da Lotti, il 26 settembre era stato inaugurato anche il Palazzetto dove da qualche mese sono riprese le attività di basket, volley e calcio a 5.

All’inauguraione ha partecipato anche Marco Brunelli, Direttore generale della Lega A: “È un giorno speciale. Questi luoghi sono luoghi importanti che hanno tantissimo a che fare con la storia e le radici di un paese e con la voglia della gente di stare insieme e di non andare via. È davvero bello che il nostro mondo, quando vuole, quando c’e’ bisogno, sa dare prove di straordinaria capacità e velocità“.

Foto: Sportmediaset