Home 
Il personaggio
 #StoriediSport: Diego Armando Maradona

#StoriediSport: Diego Armando Maradona

109
0

Potremmo raccontarvi di quella volta che segnò, secondo lui, il più bel gol della sua carriera, contro il Deportivo Pereira; oppure potremmo raccontarvi di quando fu presentato allo stadio San Paolo di Napoli davanti a 80 mila persone; o ancora quando segnò il gol più bello della storia del calcio, in finale contro l’Inghilterra, ai mondiali in Messico nel 1986. Potremmo anche narrare la storia del “La Mano de Dios“, sempre nella stessa partita, o di quella volta che ha sfidato le leggi della fisica, con una punizione da dentro l’area, contro la Juventus.

E invece no! Preferiamo che la grandezza di questo giocatore, per molti il migliore di sempre, venga raccontata attraverso le frasi dei suoi compagni, dei suo avversari o dei suoi allenatori, coloro che sicuramente possono spiegare meglio di noi cosa ha rappresentato Diego Armando Maradona per il calcio mondiale.

Diego Armando Maradona: El Pibe de Oro

Giocare contro Maradona è come giocare contro il tempo perché sai che, prima o poi, o segnerà o farà segnare.” [Arrigo Sacchi, allenatore]

Durante una partita Juventus-Napoli nello spogliatoio ci dicemmo che l’unico modo per fermarlo era menargli di brutto. Ma dopo dieci minuti in campo ci guardammo e ci dicemmo che no, era troppo bello vederlo giocare.” [Zbigniew Boniek, calciatore]

Maradona è un artista del pallone, fischiare lui perché antipatico è come fischiare Picasso perché comunista.” [Italo Allodi, dirigente]

diego armando maradona associazione sportiva internazionale 1
Foto: gazzetta.it

Per me Maradona è il più grande calciatore di tutti i tempi senza se e senza ma. Non solo. Le prestazioni di Maradona sono state evidentemente penalizzate dalla tossicodipendenza e non certo agevolate come in chi ha fatto ricorso alla pratica del doping. La cocaina NON è dopante. Non solo. Diego Armando Maradona è caduto e si è rialzato. Senza trucco e senza inganno. Davanti al mondo senza nascondere nulla. Sempre a testa alta. Per tutti questi motivi Diego Armando Maradona è per me un idolo, un esempio di come si possa guarire da un brutto male sfidando il mondo senza mai abbassare lo sguardo. Senza mai perdere la dignità.” [Francesco Repice, giornalista]

Con noi del Napoli è stato solo Diego. Non ci ha mai fatto pesare la sua superiorità. Non ha mai detto: ragazzi, datemi la palla che ci penso io. Non guardava a se stesso, era generoso e pensava alla squadra. È stato un compagno perfetto.” (Salvatore Bagni, calciatore)

Tifosi di tutti i quartieri tradivano le loro squadre del cuore per vedere quel genio per il quale un fazzoletto di terreno era più di un latifondo. Alcuni lo confusero con Dio, e quando sei poco più che un bambino non hai motivo di mettere in dubbio l’opinione dei grandi.” [Jorge Valdano, calciatore]

Credo che uno dei grandi privilegi di chi fa questo mestiere sia dare felicità alla gente, e lui certamente rappresenta meglio di tutti questo concetto.” (Alessandro Del Piero, calciatore)

È il calcio, è il pallone, come se ci fosse la sua faccia su quella sfera che gira. Quello che ha fatto lui con la palla non l’ha fatto mai nessuno e non lo farà mai nessuno. Ha fatto cose straordinarie, tutto quello che c’era da fare l’ha fatto. L’ho conosciuto e mi emoziona vedere la foto di noi due abbracciati.” (Francesco Totti, calciatore)

Diego era capace di cose che nessuno avrebbe potuto eguagliare. Le cose che io potrei fare con un pallone, lui potrebbe farle con un’arancia.” (Michel Platini, calciatore)

Compie oggi 57 anni il n. 10 più forte di sempre.
Tanti auguri El Pibe de Oro!